Fontane alla Stazione di Milano Centrale

Articolo dell’11.10.2019. Ultimi aggiornamenti del 26.11.2019 e del 20.12.2020.

L’attuale Stazione di Milano Centrale nasce dall’esigenza di alleggerire il traffico ferroviario nella vecchia Stazione Centrale all’interno della città ed anche per l’espansione urbana che stava caratterizzando Milano in quel periodo storico. Se oggi osserviamo una carta geografica della città di Milano non riusciamo a notare il luogo preciso della prima Stazione Centrale. Essa era una stazione di passaggio all’interno del nodo ferroviario della città e sorgeva dove oggi troviamo il toponimo di Piazza della Repubblica. La vecchia Stazione Centrale fu costruita nell’anno 1864 e sostituiva le vecchie stazioni di testa di Milano Porta Nuova (II) nell’attuale Viale Melchiorre Gioia (1850-1864) e Milano Porta Tosa nell’attuale Viale Premuda (1846-1873).

La stazione rimase attiva per sessantasette anni, fino al 1931, con i suoi sei binari di cui quattro dedicati ai treni passeggeri. Le esigenze del traffico ferroviario insieme alla rapida espansione urbana della città ne portarono alla sua demolizione. Rimase attivo solo lo scalo merci vicino che divenne successivamente adeguato a stazione di testa con il nome di Milano Porta Nuova (III) (chiamata anche “Le Varesine”), attiva dal 1931 al 1961 per poi essere sostituita dalla nuova stazione di Milano Porta Garibaldi.

Il progetto della Stazione Centrale risale all’inizio del Novecento, esattamente nel 1905, quando il direttore generale delle Ferrovie dello Stato Riccardo Bianchi predispose un progetto di riforma dell’intero nodo ferroviario milanese. Nel 1906, in occasione dell’inaugurazione dell’Esposizione Internazionale nel capoluogo lombardo, il Re Vittorio Emanuele III pose la prima pietra della nuova stazione, a circa 600 metri a nord della vecchia, vicino all’area dell’ex Trotter.

Nel 1912 venne indetto un nuovo bando di progettazione per la costruzione della stazione, vinto da Ulisse Stacchini che la definì «La cattedrale del movimento». Successivamente i lavori per la costruzione vennero interrotti in diverse occasioni, sia durante il Primo Conflitto Mondiale e poi negli anni successivi per la revisione del progetto da parte dell’Architetto Ulisse Stacchini. Il 1º luglio 1931 la nuova stazione venne inaugurata e contemporaneamente la vecchia Stazione Centrale venne dismessa e successivamente demolita eccetto lo scalo merci.

La facciata è orientata verso la piazza Duca d’Aosta con una larghezza di duecento metri e presenta due fontane ai lati. Oggi entrambe le fontane risultano chiuse.

Figura 1: Fontana sulla facciata esterna (Fonte: Lombardia Beni Culturali, autore Dino Zani, data sconosciuta)
Figura 1: Fontana sulla facciata esterna (Fonte: Lombardia Beni Culturali, autore Dino Zani, data sconosciuta)
Figura 2: Panoramica della fontana sulla facciata esterna (Fonte: Biblioteca di Storia dell’Arte della Musica e dello Spettacolo dell’Università degli Studi di Milano, autore sconosciuto, data sconosciuta)
Figura 2: Panoramica della fontana sulla facciata esterna (Fonte: Biblioteca di Storia dell’Arte della Musica e dello Spettacolo dell’Università degli Studi di Milano, autore sconosciuto, data sconosciuta)
Figura 3: Una delle due fontane sulla facciata esterna (Fonte: foto dell'autore, 2019)
Figura 3: Una delle due fontane sulla facciata esterna (Fonte: foto dell’autore, 2019)

L’area esterna della stazione ha altre due fontane. Non fanno parte dell’architettura della stazione ma si trovano in un’area adibita a giardino pubblico in Piazza Luigi di Savoia. Le fontane, entrambe identiche, sono state progettato da Renzo Gerla nel 1938 quando era dipendente del Comune.

Le due fontane hanno uno stile classicheggiante, a bacini sovrapposti: sono costituite da un gruppo di dodici anfore, da ognuna delle quali fuoriesce uno zampillo; in cima ad esse sprizza un pennacchio di zampilli. L’acqua è raccolta in una coppa sorretta da un piedistallo scanalato e tracima in una seconda vasca rotonda, sottostante. Le anfore sono in granito rosso di Baveno, mentre la vasca è rivestita in mosaico verde, con bordo in pietra rosa. Oggi entrambe le fontane sono spente.

Figura 4: Fontane progettate da Renzo Gerla (Fonte: foto dell'autore, 2019)
Figura 4: Fontane progettate da Renzo Gerla (Fonte: foto dell’autore, 2019)

Se ritorniamo all’interno della stazione possiamo trovare una fontana in un luogo nascosto, si tratta della fontana all’interno del Padiglione Reale: oggi questa fontana non funziona.

Figura 5: Stazione Centrale, Padiglione Reale, accesso allo scalone (Fonte: Lombardia Beni Culturali, autore G. Polacco, data sconosciuta)
Figura 5: Stazione Centrale, Padiglione Reale, accesso allo scalone (Fonte: Lombardia Beni Culturali, autore G. Polacco, data sconosciuta)

Una fontana legata alla stazione che però non vide mai la luce apparteneva al progetto degli Architetti Gino Minoletti e Giuseppe Gentili del 1960 per riqualificare la facciata della Stazione e la Piazza Duca d’Aosta.

Figura 6: Progetto di Minoletti e Gentili (Fonte: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960)
Figura 6: Progetto di Minoletti e Gentili (Fonte: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960)
Figura 7: Progetto di Minoletti e Gentili (Fonte: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960)
Figura 7: Progetto di Minoletti e Gentili (Fonte: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960)
Figura 8: Progetto di Minoletti e Gentili (Fonte: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960)
Figura 8: Progetto di Minoletti e Gentili (Fonte: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960)

All’interno della stazione al “Piano Binari” durante gli anni Ottanta e Novanta era presente una piccola fontana a forma circolare.

Figura 9: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: Facebook Milano sparita e da ricordare, autore sconosciuto, data sconosciuta)
Figura 9: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: Facebook Milano sparita e da ricordare, autore sconosciuto, data sconosciuta)
Figura 10: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: Facebook Milano sparita e da ricordare, autore sconosciuto, data sconosciuta)
Figura 10: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: Facebook Milano sparita e da ricordare, autore sconosciuto, data sconosciuta)
Figura 11: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE - (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012)
Figura 11: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE – (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012)
Figura 12: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE - (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012)
Figura 12: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE – (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012)
Figura 13: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE - (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012)
Figura 13: Fontana al “Piano Binari” (Fonte: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE – (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012)

Video 1: “STAZIONE MILANO CENTRALE – (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012.

La fontana era diventata parte integrante della stazione, sia come luogo d’incontro per coloro che arrivavano a Milano ed anche punto dove attendere la partenza del proprio treno. Successivamente la fontana è stata rimossa.

Oggi al “Piano Binari” è presente una fontana nascosta. Essa si trova all’interno della libreria Feltrinelli. Anche questa fontana risulta spenta. (Ultimo aggiornamento: 20.12.2020).

Figura 13: Fontana all’interno della libreria Feltrinelli (Fonte: foto dell’autore, 2020)
Figura 14: Fontana all’interno della libreria Feltrinelli (Fonte: foto dell’autore, 2020)

FONTI (ULTIMA CONSULTAZIONE 11.10.2019):

  • Figura 1: Lombardia Beni Culturali, autore Dino Zani, data sconosciuta.
  • Figura 2: Biblioteca di Storia dell’Arte della Musica e dello Spettacolo dell’Università degli Studi di Milano, autore sconosciuto, data sconosciuta.
  • Figura 5: Lombardia Beni Culturali, autore G. Polacco, data sconosciuta.
  • Figura 6: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960.
  • Figura 7: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960.
  • Figura 8: Adalingo, autori Gino Minoletti e Giuseppe Gentili, 1960.
  • Figura 9: Facebook Milano sparita e da ricordare, autore sconosciuto, data sconosciuta.
  • Figura 10: Facebook Milano sparita e da ricordare, autore sconosciuto, data sconosciuta.
  • Figura 11: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE – (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012.
  • Figura 12: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE – (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012.
  • Figura 13: YouTube “STAZIONE MILANO CENTRALE – (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012.
  • Fontane di Milano – Piazza Luigi di Savoia (Autrice Cristina Arduini, data sconosciuta).
  • Stazione di Milano Centrale – Info Stazione Milano Centrale – Tour Virtuale stazione | Milano Centrale.
  • Video 1: “STAZIONE MILANO CENTRALE – (Anni 80) + Cab. A.C.E.I.”, autore Giuseppe Pasi, video caricato su YouTube nel 2012.

FONTI (ULTIMA CONSULTAZIONE: 26.11.2019):

Adalingo – La Stazione Centrale di Milano, come sarebbe potuta essere e come sarebbe potuta diventare (Autore Gabriele dell’Oglio, articolo del 26.11.2019).

19 pensieri su “Fontane alla Stazione di Milano Centrale

  1. Non mi sono mai soffermata sulle fontane della Stazione, ma ti dico che adoro la Centrale, quella degli anni 70/80 davvero decrepita, con pochi bar e tutti sporchi, sembra anacronistica rispetto a quella attuale,con i negozi e addirittura punti ristoro deliziosi. Che enorme cambiamento. Poi vabbe’, mi ricorda viaggi in treno, tanti, tantissimi, le mia pertenze da bimba e i viaggi in solitaria dei miei 30anni. Bel post, non ti conoscevo, ma se parli di Milano ti seguo molto volentieri.

    Piace a 1 persona

    • Anche a me piace molto la Stazione Centrale. Anch’io ho un ricordo diverso della stazione rispetto ad oggi e risale alla metà degli anni ’90. Con i lavori di riqualificazione del 2005, la Stazione ha subìto un processo di trasformazione che secondo me ha un’ottica molto commerciale. In questi lavori sono migliorati i collegamenti con la Metropolitana attraverso la realizzazione di nuove uscite. ☺

      "Mi piace"

  2. Gran bello studio! Mi hanno incuriosito le fontane e anche le progettazioni della stazione e sono venuta a leggere. Adoro le fontane… al mio paese ce n’è una che però non funziona mai e la stanno per smantellare perché ormai è un catafalco abbandonato e sarebbe costosissimo rimetterla in sesto seguendo le leggi di oggi. Comunque sia, nei miei soggiorni a Milano ho visto molte fontane e tutte perfettamente funzionanti.. cosa che invece vedo che non succede a quelle vicine alla stazione. Sono stata un paio di volte di transito alla Stazione Centrale e ne sono rimasta piacevolmente stupita, è molto bella.. Ho visto i progetti…notevoli!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...