Strade milanesi dedicate a Manzoni

Il capoluogo lombardo oltre ad aver dedicato un monumento al poeta scrittore Alessandro Manzoni, gli ha omaggiato anche una strada.

La Via Alessandro Manzoni è situata nel centro della città a pochi passi dalla Piazza del Duomo. Essa è vicina alla Chiesa di San Fedele, molto frequentata dal poeta, ed anche dalla sua residenza. La strada è localizzata in una delle aree più antiche della città. In passato esistevano due toponimi: “Contrada del Giardino” e “Corso di Porta Nuova”.

Il primo toponimo partiva dall’attuale Piazza della Scala fino all’odierno incrocio tra la Via Croce Rossa e la Via Monte Napoleone (i vecchi toponimi erano “Contrada Croce Rossa” e “Contrada del Monte”). Invece la seconda porzione partiva da quest’ultimo incrocio fino agli attuali “Archi di Porta Nuova” (medievale).

Figura 1: Cartografia della Via Alessandro Manzoni e degli altri luoghi del poeta scrittore (Fonte: Geoportale SIT del Comune di Milano, didascalia elaborata dell’autore, 2012)
Figura 1: Cartografia della Via Alessandro Manzoni e degli altri luoghi del poeta scrittore (Fonte: Geoportale SIT del Comune di Milano, didascalia elaborata dell’autore, 2012)

Il Comune di Milano decise di intitolare la strada al poeta milanese il giorno della sua scomparsa avvenuta il 22 maggio 1873. Nell’Ottocento la strada era la più lussuosa di Milano e anche d’Europa.

Oggi la Via Alessandro Manzoni è un’arteria molto importante del centro storico del capoluogo lombardo. Essa non ha rischiato di essere cancellata nel corso della trasformazione urbanistica milanese tra la fine dell’Ottocento e gli anni Cinquanta del Novecento. È utile ricordare che durante questi periodi storici o “stagioni urbanistiche”, diversi ingegneri ed urbanisti hanno profondamente modificato alcune aree del centro della città.

Figura 2: Panorama della Via Alessandro Manzoni con il tram numero 1 (Fonte: foto dell’autore, 2020)
Figura 2: Panorama della Via Alessandro Manzoni con il tram numero 1 (Fonte: foto dell’autore, 2020)

Se oggi si attraversa la strada si possono trovare degli edifici notevoli. Alcuni di questi sono il Museo Poldi Pezzoli (costruito dal 1853 al 1854 su progetto di Giuseppe Balzaretto), l’Armani Hotel, il Teatro Manzoni e la Chiesa di San Francesco di Paola. L’edificio religioso fu progettato da Marco Antonio Bianchi ed Emilio Alemagna con uno stile barocco e rococò. La consacrazione avvenne il 22 settembre 1735.

A pochi passi dalla chiesa troviamo la Via Monte Napoleone. Essa è una delle strade più lussuose della città. La via è all’interno del famoso “Quadrilatero della Moda”, il quale comprende anche Via della Spiga, Via Sant’Andrea e Via Pietro Verri.  

Figura 3: Chiesa di San Francesco di Paola (Fonte: foto dell’autore, 2020)
Figura 3: Chiesa di San Francesco di Paola (Fonte: foto dell’autore, 2020)
Figura 4: Via Monte Napoleone traversa di Via Manzoni (Fonte: foto dell’autore, 2020)
Figura 4: Via Monte Napoleone traversa di Via Manzoni (Fonte: foto dell’autore, 2020)

Se osserviamo il lato opposto della strada all’attuale civico numero 29 troviamo il “Grand Hotel et de Milan” inizialmente chiamato “Albergo Milano”. L’edificio è stato costruito tra il 1850 ed il 1860 per poi essere inaugurato tre anni dopo. Verso la fine del XIX Secolo era l’unico albergo della città ad offrire un servizio telegrafico e postale ai suoi clienti.

L’hotel nel corso della seconda metà dell’Ottocento divenne famoso perché fu scelto come residenza milanese da Giuseppe Verdi a partire dal 1872 e fino alla sua scomparsa avvenuta il 27 gennaio 1901. Verdi alloggiò quasi sempre nella stanza numero 105. L’appartamento era un ambiente molto luminoso, comodo ed era situato al primo piano: era composto da un salone e tre stanze.

Figura 5: Il “Grand Hotel et de Milan” visto attraverso i colori di una cartolina del Secolo scorso (Fonte: foto dell’autore, 2020)
Figura 5: Il “Grand Hotel et de Milan” visto attraverso i colori di una cartolina del Secolo scorso (Fonte: foto dell’autore, 2020)

All’interno della città di Milano si può curiosamente trovare una seconda Via dedicata ad Alessandro Manzoni: essa è localizzata in una posizione decentrata. La strada si trova nell’attuale zona nord est della città ed esattamente nel quartiere Lambrate.

Al momento della scomparsa dello scrittore milanese, il capoluogo lombardo aveva delle dimensioni molto più piccole rispetto ad oggi ed il quartiere Lambrate era un Comune autonomo.

Il 2 settembre 1923 viene pubblicato il Regio Decreto numero 1912 dal titolo “Aggregazione al Comune di Milano di undici Comuni contermini”. Nell’articolo 1 viene indicato che il Comune di Lambrate insieme ad altri dieci Comuni sono incorporati al Comune di Milano[1].

Figura 6: Ritaglio della Carta dell’Istituto Geografico Militare raffigurante la Provincia di Milano [Foglio 45 IGM], scala 1:100.000 dell’area geografica nord-est di Milano e dei Comuni limitrofi (Fonte: www.stagniweb.it, autore sconosciuto, data della carta geografica 1893)
Figura 6: Ritaglio della Carta dell’Istituto Geografico Militare raffigurante la Provincia di Milano [Foglio 45 IGM], scala 1:100.000 dell’area geografica nord-est di Milano e dei Comuni limitrofi (Fonte: http://www.stagniweb.it, autore sconosciuto, data della carta geografica 1893)

La toponomastica del vecchio Comune di Lambrate fu modificata e la vecchia Via Alessandro Manzoni fu cambiata nella Via Accademia. Oggi è rimasta una piccola memoria della Via Manzoni a Lambrate. Un vecchio palazzo in stile neo-romanico tra le attuali Via Accademia e la Via Nicola Antonio Porpora conserva sulla sua facciata il vecchio toponimo.

Figura 7: Via Alessandro Manzoni del vecchio Comune di Lambrate nell’attuale Via Accademia di Milano (Fonte: foto dell’autore, 2020)

A Milano ci sono altri luoghi legati ad Alessandro Manzoni, ma questa sarà un’altra storia 😉


NOTE:

[1] Gli altri Comuni erano Affori, Baggio, Chiaravalle Milanese, Crescenzago, Gorla-Precotto, Greco Milanese, Musocco, Niguarda, Trenno e Vigentino.

FONTI (ULTIMA CONSULTAZIONE 19.11.2020):

28 pensieri su “Strade milanesi dedicate a Manzoni

  1. Pingback: Monumento dedicato ad Alessandro Manzoni | Gianluca Brescia blog

  2. Ci sono passato l’anno scorso quando feci una tappa di un giorno a Milano.
    L’obiettivo non era Via Manzoni, ma le vie della moda… pur senza comperare nulla, visti i prezzi.

    Carino il tram con la targa GB2020

    “Via Accademia” fa molto Monopoli 😀

    Complimenti per la precisione nella esposizione.

    Piace a 1 persona

  3. ieri sera ero passata da te ma non avevo capito che sotto alla prima immagine c’era “nascosto” un post…e che post, direi! Un tour virtuale del centro di Milano con tanto di guida e cartina di riferimento. Grandioso! Nel “Quadrilatero della moda” vengono sempre i miei figli per lavoro e me ne parlano…è bello vedere le foto di questi posti fantastici. Spero un giorno di poterli visitare con calma. Sto imparando piano piano ad amare Milano 🙂 Ti racconto un’ultima cosa: ero stata a Milano un’univa volta tanti anni fa e quella volta lì, non so come, si arrivò con l’auto proprio davanti alla casa del Manzoni..ci si parcheggiò 🙂 ..Tanti..ma tanti anni fa 😉

    Piace a 1 persona

  4. Pingback: Residenze lombarde del Manzoni | Gianluca Brescia blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...